Thursday, November 23, 2017

Archive for agosto, 2012

Giorno 14 - Astana

Posted by Nomadmilano 3 - agosto - 2012

Ciao a tutti quelli che ci stanno seguendo durante questo nostro viaggio. Vi abbiamo lasciatoi con un post che ci vedeva a Kiev in Ucraina. Da li in una settimana abbiamo cambiato 2 nazioni e un continente. Siamo partite alla volta della Russia e nel giro di un giorno e mezzo, grazie alla guida notturna e alla dormita di 3 ore nella Panda siamo arrivate a Mosca. La citta ci ha accolte con un bellissimo sole. Stupenda la chiesa di San Basilio e una via piena di performer loocali! Un super piu per Mosca! Non possiamo concederci piu di un giorno, cosi la mattina successiva partiamo molto presto alla volta del Kazakistan. E il momento di fare piu kilometri possibili, per tenerci i giorni in piu in Mongolia… facciamo 1900km in 2 giorni con una media di 80kmh per superare “velocemente” la Russia: passiamo entrambe le notti in Panda, e la schiena comincia a ad avere i primi acciacchi. Purtroppo a parte Mosca durante il nostro percorso non abbiamo incontrato persone locali molto ospitali, e non vediamo l’ora di cambiare nazione. Sbagliamo la strada per la dogana kazaka e finiamo in una zona militare in cui non potevamo andare. I militari prontamente ci fermano e ci portano nella caserma locale pensando che venissimo dal Kazakistan e che avessimo superato il confine senza passare in dogana… inutili i tentativi di fargli capire che noi non siamo ancora stati in Kazakistan, ma che stiamo cercando di andarci!! Li in caserma siamo in attesa dei nostri passaporti e dei dovuti controlli quando un giovane toro ci guarda minaccioso. La situazione e paradossale: noi rimaniamo chiuse in macchina mentre il toro sbuffa e tira cornatine alla panda grigia (che riporta una crepa al fanalino della retro!). Il tutto si conclude con un video fantastastico, risate atomiche e incredule (Elena per la paura continuava a ridere)

Tutto e in ordine, raggiungiamo la frontiera e passiamo in Kazakistan senza problemi. Il primo poliziotto kazako che ci ferma ci accoglie con un sorrisone, ci voleva proprio! Il paesaggio cambia e siamo immerse nella steppa. Ogni tanto un villaggio, qualche mandria di mucche e niente piu: stupendo. Finalmente passiamo la notte in una radura (l’unica nella zona) e possiamo montare le tende! Il giorno dopo, ripartiti alla volta di Astana abbiamo il primo problema tecnico: la panda bianca, la Mama Mobile si ferma, ma i Nomad prontamente risolvono il problema e si riparte (peccato che in quell’oretta di stop ci fossero 10 gradi, pioggia e vento gelido!)

Arriviamo ad Astana e le persone sono curiosissime di sapere chi siamo, dove andiamo e che macchine abbiamo. Trovato un albergo andiamo a mangiare ottimi spaghetti locali e ravoli giganti e poi nanna. Il giorno dopo facciamo un giro per la citta: e incredibile che in mezzo alla steppa ci sia una metropoli cosi moderna, una piccola Dubai!

Grazie Astana per questa pausa, ma ora noi dobbiamo ripartire … prossima fermata Ulaan Bataar!

Powered by: Advansis.it